Non esiste, contrariamente a quanto scritto in questi giorni, nessuna direttiva nazionale che disponga la immediata chiusura della guardia medica e Fimmg CA si adopererà perché questo, una volta per tutte, sia ben chiaro ai cittadini abruzzesi.

Lo scorso 23 luglio il Segretario Nazionale della FIMMG Dott. Giacomo Milillo, con una lettera alle OOSS mediche esprimeva grave preoccupazione per la modalità di conduzione dei lavori negoziali da parte della SISAC, annunciando l’assenza della delegazione FIMMG nella seduta del 24 luglio u.s.

La SISAC, ha risposto all’assenza della delegazione FIMMG con la seguente nota Prot. 576/2014, dove a fronte del termine tavoli “esplorativi”, utilizzato nelle precedenti convocazioni, finalmente si fa strada la parola “trattative”.

Ebbene, la risposta di FIMMG, non si è fatta attendere per mano del suo Segretario Nazionale, risposta che riportiamo di seguito:

E del 28 luglio u.s. la notizia dell’occupazione pacifica degli Ordini dei Medici delle province di Napoli, Roma, Modena e Ancona, occupazioni alle quali hanno preso parte i giovani colleghi di FimmgFormazione, per testimoniare non solo la grande amarezza per l’occasione perduta in riferimento all'abolizione del comma 14 dall'art 5 inserito nella prima stesura del Patto per la Salute, ma anche sottolineare il disagio delle giovani generazioni di medici tematiche altrettanto fondamentali, quali:

E’ della sera del 23 Luglio la notizia che la FIMMG non siederà al tavolo della trattativa a cui la Sisac ha convocato tutte le Organizzazioni sindacali  dei Convenzionati per il giorno seguente.

Ma facciamo un passo indietro nella storia di queste fasi iniziali delle trattative.

Il primo incontro del Tavolo per le trattative per il rinnovo dell’Accordo Collettivo Nazionale si svolge a Roma presso la sede SISAC l’11 aprile 2014. La delegazione Fimmg presente espone i contenuti della piattaforma approvata all’unanimità dal Consiglio Nazionale del Sindacato il giorno 8 aprile, formalizzando la richiesta di condurre la trattativa separatamente dagli altri sindacati e respingendo i tentativi di omologazione alla contrattazione del pubblico impiego nelle procedure negoziali, ribadendo come irrinunciabile la definizione del profilo giuridico contrattuale del medico di Medicina Generale all’interno del SSN quale libero professionista convenzionato.

PATTO DELLA SALUTE: AMBIGUITA’ E CONTRADDIZIONI NEL PATTO DELLA SALUTE TORNA IL CONCETTO DI “GUARDIA MEDICA” !?!

NO ALLA #PARAEMERGENZA, SI AL #RUOLOUNICO dei #freeMMG

Roma, 4 luglio 2014

Cara/o Collega,
ieri è stata divulgata la bozza – probabilmente definitiva- del nuovo Patto della Salute.
Dalle notizie circolate, si attende solo l’approvazione del MEF per gli aspetti economici.
Vi invito ad un’attenta lettura poiché nel testo sono presenti alcune definizioni ambigue e contraddittorie che potrebbero mettere in discussione il cammino che FIMMGCA ha affrontato in questi anni per portare i propri medici di medicina generale a quota oraria definitivamente fuori dal sistema dell’emergenza urgenza.
Il tema è per noi familiare da troppo tempo ed ha richiesto numerosi interventi per rintuzzare puntualmente e tempestivamente i tentativi di restaurazione della vecchia guardia medica.
Le sezioni regionali e provinciali del nostro Sindacato hanno trovato in questi anni ciascuna la propria via ed il proprio metodo per affrontare il problema.
Questo però non è più il tempo delle soluzioni decentrate.
Questo è il tempo dell’unità di azione su un unico obiettivo-il Ruolo Unico- come chiave di soluzione dell’annoso problema che vede la Continuità Assistenziale confusa continuamente su compiti di risulta assistenziale di altri servizi e che abbiamo definito con il neologismo di paraemergenza.
Il momento estremamente delicato richiede attenzione poiché qualunque esitazione o anche solo sfumata ambiguità rispetto all’obiettivo politico prioritario del Settore potrebbe determinare il fallimento del nostro progetto e gettarci inesorabilmente e definitivamente nel ghetto da cui a fatica, e -come appare evidente- non completamente, siamo usciti.
L’Esecutivo Nazionale di FIMMGCA sta attentamente monitorando la situazione e cercherà le più idonee modalità comunicative interne ed esterne al Sindacato per riaffermare che il nostro progetto politico punta inequivocabilmente e unicamente verso il Ruolo Unico di Medicina Generale.
Ho già incontrato il nostro Segretario Nazionale Generale, Giacomo Milillo, al quale ho rappresentato le nostre preoccupazioni e riaffermato l’univocità di tale orientamento, ricevendo pieno sostegno.
E’ infatti chiaro nella politica affermata da Fimmg tutta, che qualunque Patto della Salute troverà soluzioni, solo ed esclusivamente, nella definizione del nuovo ACN, unico ambito capace di sancire ruolo, responsabilità e competenze dei medici di medicina generale tutti, compresi quelli a quota oraria.
Per questo motivo fino a quel momento è fondamentale non assecondare accelerazioni verso accordi aziendali o regionali riguardanti temi che abbiano implicazioni relative al ruolo giuridico del MMG a quota oraria.
Il Consiglio Nazionale di Settore da tempo ha fatto una scelta dalla quale non intende tornare indietro: scelta ribadita in ogni occasione utile; scelta votata, ogni volta, all’unanimità.
Non avremo quindi tentennamenti nel prendere le distanze da ogni tentativo, da ogni ambigua proposta di collaborazione che potrebbe essere facilmente strumentalizzata.
Non saranno giustificabili, né tantomeno ammissibili, ingenuità.
Siamo consapevoli che esistono al nostro interno delle realtà ove questo percorso di affrancamento dai sistemi di emergenza non ha trovato conclusione. Per questo motivo offro la disponibilità mia e dell’Esecutivo Nazionale a confrontarci con qualunque livello decentrato del Settore abbia bisogno di assistenza nell’affrontare tali tematiche.
Sia chiaro a tutti che il cambiamento non ci spaventa e sia altrettanto chiaro che il cambiamento non può che essere quello che NOI vogliamo, non quello che altri cercano di imporci.
 
                                                                   Tommasa Maio
                                                      Segretario Nazionale FIMMG CA

La trasformazione del sistema della Medicina Generale, nel quale vorremmo vedere finalmente compiuta quella valorizzazione della professionalità dei Medici di Continuità Assistenziale e per la quale da tempo stiamo lavorando, ha avuto inizio oggi con l’apertura del tavolo di trattiva tra la SISAC e le Organizzazioni Sindacali.

Il Consiglio Nazionale della Fimmg ha approvato ieri sera all'unanimità la piattaforma per il rinnovo dell'Accordo Collettivo Nazionale.

RINNOVO ACN 2014

PIATTAFORMA FIMMG

PREMESSA

Sottocategorie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione